Riabilitazione funzionale


Con riabilitazione/rieducazione funzionale si intende una serie di trattamenti successivi al lavoro fisioterapico che hanno il fine di far tornare il paziente alle attività sportive e quotidiane. Difatti lo scopo è quello di riportare l’organismo a svolgere correttamente tutti i movimenti che la vita di ogni giorno ci chiede di compiere.

Rieducare significa educare nuovamente ad una funzione utilizzata durante l’attività quotidiana o l’attività sportiva, solitamente tale funzione è stata persa e si utilizzano dei movimenti o delle azioni che ne permettono il ripristino. Ad esempio è utile utilizzare lo squat per ripristinare la capacità di prendere in modo corretto le scatole da terra.

Il percorso di rieducazione avviene sia tramite il recupero della forza dei muscoli in deficit ma anche ristabilendo il corretto rapporto tra forza, lunghezza e tempo di attivazione dei muscoli. Esso deve avvenire sia sul piano fisico sia psichico sia sociale.

La rieducazione pone la persona al centro, la quale sceglie, collabora e partecipa. Inoltre è necessaria la triade: precocità, continuità, globalità al fine di avere un reinserimento sociale. Detto ciò è utile che la riabilitazione funzionale sia iniziata subito alle dimissioni dal centro riabilitativo ospedaliero e che sia eseguita con continuità.


TIPOLOGIA DI RIABILITAZIONE

  • Della camminata:

·         Scomporre il movimento del cammino e eseguirlo al rallentatore

·         Inserire elemento visivo

·         Aggiungere ritmicità

·         Aggiungere arti superiori

·         Utilizzo di elementi propriocettivi

·         Valutare il tutto con aumento della velocità




  • Della caviglia:

·        Utilizzo della propriocezione

·        Rinforzo della muscolatura

  • Della spalla:

·        Rinforzo della muscolatura dell’arto superiore nei movimenti in rotazione

·        Rinforzo dei muscoli per i movimenti sul piano sagittale e frontale

·        Rinforzo dei restanti muscoli per i movimenti fini

·        Utilizzo di elementi per la propriocezione


  • Della gamba (ginocchio):

·        Rinforzo della coscia

·        Rieducazione della camminata

·        Inserimento dell’articolazione

·        NON USARE CYCLETTE

É essenziale lo stretching della componente anteriore o posteriore a seconda del tipo di trauma